giovedì 3 ottobre 2013

La grande Crociera del Costa Club 15-28 Settembre 2013 - Prima parte

Per festeggiare i 65 anni di Costa Crociere a Settembre sulla Costa Pacifica si é svolta una crociera speciale a cui hanno partecipato alcuni amici: Clara, Beppe, Novella, Ennio, Gabriella ed Adriano. 
Grazie a loro possiamo rivivere questa speciale occasione, siete pronti ? Si parte !



Cominciamo dall'itinerario:

15.09 Savona
16.09 Navigazione
17.09 Katakolon
18.09 Mykonos
19.09 Smirne
20.09 Istanbul
21.09 Istanbul
22.09 Navigazione
23.09 Salonicco
24.09 Volos
25.09 Atene
26.09 Navigazione
27.09 Civitavecchia
28.09 Savona



Ed ecco il diario scritto da Clara:


Domenica 15 settembre:  SAVONA
Arriviamo a Savona alle 11 e facciamo in tempo ad entrare al Palacrociere prima che si scateni un forte temporale.
Ci imbarchiamo dopo circa un’ora e mezza e incominciamo ad “esplorare” la nave in quanto, pur essendoci già stati, non la ricordiamo più. Non la troviamo molto funzionale perché il ristorante My Way posto al centro nave impedisce il facile scorrimento da poppa a prua nei ponti 3 e 4.
Le valigie arrivano piuttosto in fretta per cui finiamo presto di sistemarci.
Si fa quindi l’esercitazione di emergenza e si partecipa alla festa organizzata sul ponte piscina per dare il benvenuti a bordo per la Grande Crociera Costa Club.
Andiamo a cena al primo turno dove condividiamo il tavolo con i nostri amici Novella, Ennio, Gabriella e Adriano.
Quindi si va in teatro dove c’è lo spettacolo “Sport Show” con i cantanti Karin Kovacova e Alfonso Sanchez e il balletto degli Afro Arimba Dancers (8 ragazze e 4 ragazzi): lo show è veramente bello, originale e con un ritmo incalzante che non lascia nemmeno un secondo di “vuoto”.
Siamo un po’ stanchi ma andiamo ugualmente  al grand bar Rhapsody per fare quattro salti in allegria e conoscere alcuni animatori, il cui capo è Thomas, già incontrato in altra crociera.



 
Lunedì 16 settembre:  NAVIGAZIONE
Stiamo sul ponte a goderci il sole e il caldo e partecipiamo ai giochi dell’animazione.
In serata assistiamo al bellissimo spettacolo di magia di Connie Boyd con numeri nuovi e strabilianti.
Quindi in salone per la Lady Night dove per ogni ballo (4 in tutto) vengono distribuiti biglietti con dei numeri che parteciperanno all’estrazione di alcuni premi costa. Peccato che non vinciamo nulla!
Da sinistra: Adriano e Gabriella, Clara e beppe, Novella ed Ennio
 
Martedì 17 settembre:  KATAKOLON
Mattinata in navigazione a prendere il sole.
Arriviamo alle 14 e il porto è praticamente in paese. Scendiamo e prendiamo il carro trainato da un cavallo per un giro “esplorativo”: in realtà ci sono solo due vie parallele piene di negozi di abbigliamento e souvenir e localini niente male.
Prima di risalire a bordo ci fermiamo al buffet collocato proprio davanti alla nave e offerto dal comune di Katakolon e degustiamo le specialità greche assistendo anche allo spettacolo di danze folkloristiche locali
Dopo cena in teatro il sempre bello spettacolo del quartetto “Fuego”, danzatori spagnoli di flamenco, bravissimi e con costumi fantastici.
 
Mercoledì 18 settembre:  MIKONOS
Mattinata in navigazione a prendere il sole. Arrivo nel pomeriggio in rada.
Scendiamo tra i primi e con i nostri amici iniziamo il giro dello stupendo paese. Ci dirigiamo verso la “Piccola Venezia” un quartierino con case sull’acqua e tanti localini, quindi i Mulini a vento, dove anticamente le genti di tutte le Cicladi portavano il loro grano e orzo per essere trasformati in farina.
Risalendo per le stradine tortuose arriviamo alla chiesa Paraportiani, altro simbolo dell’isola. E’ formata da cinque chiese costruite in un unico complesso. Bellissima, sembra un bianco iceberg o una grande torta di zucchero a velo!
Le strade sono viottoli stretti pieni di negozi di souvenir e localini: l’isola è una  “cartolina” continua e incantevole.
Anche qui troviamo un ricchissimo rinfresco di prodotti locali: li assaggiamo tutti e li troviamo squisiti.
Veniamo quindi attratti dal sole che sta per tramontare: ci affrettiamo per poterlo fotografare nel punto migliore.
Una volta calato la luce soffusa dell’imbrunire ci regala dei colori meravigliosi. Al largo, la nostra nave si illumina per la notte!
Tornati a bordo andiamo a mangiare la pizza con Gabriella e Adriano e dopo ci rechiamo sul ponte piscina per assistere allo spettacolo di balli e musiche con i Fuego, gli Afro Arimba, e i cantanti della nave.  Naturalmente dopo ci “tuffiamo” nei balli scatenati con tutta l’equipe di animazione.

Chiesa Paraportiana

I mulini a vento

La piccola Venezia



  Giovedì 19 settembre:   IZMIR   (Smirne)
Arriviamo al mattino e scendiamo subito.   Con Novella ed Ennio prendiamo un taxi che per complessivi € 60 ci porta in giro per quasi tre ore.
Facciamo un tour panoramico della città visitando l’Agorà e continuiamo fino alla piazza Konak Meidani, piazza del Governo ottomano,  dove si trova la Torre dell’Orologio, simbolo di Izmir, costruita nel 1901 con uno stile ottomano molto elaborato ed è un omaggio del Sultano Abdulhamid. 
Saliamo quindi fino alla fortezza Kadifekale: do origine ottomana, si trova sulla cima di un colle che domina tutta la città offrendo un panorama veramente suggestivo.
Scendendo il nostro tassista si ferma per farci fotografare più scorci panoramici e ci conduce ad una moschea di modeste dimensioni che visitiamo naturalmente coperti e senza scarpe. Le pareti sono ricoperte di mosaici blu e azzurri bellissimi e al centro c’è un lampadario maestoso.
Percorriamo il lungomare e arriviamo al bazar: c’è molta confusione e la possibilità di perdersi è veramente grande, per cui decidiamo di tornare alla nave.
Durante il nostro giro il tassista ci ha offerto  delle bottiglie di acqua e quattro Simit,   ciambelle di pane coperte di semi di sesamo, tipicamente consumate durante la prima colazione. E’ stato veramente gentile e disponibile, per cui decidiamo di dargli 10 euro di mancia esclusivamente per lui.
Novella ed Ennio rientrano in nave mentre noi scegliamo di fare quattro passi sul lungomare. Al ritorno ci addentriamo in una via che ci porta in un’isola pedonale piena di negozi e locali e che si trova vicinissima alla nave. Acquistiamo fichi secchi e uvetta passa squisiti veramente per pochi euro.
Ritorniamo a bordo perché la nave riparte alle 14,30 e ci stendiamo al sole per tutto il pomeriggio.
In teatro la comicità del duo italiano Lafracci, già visto in altre crociere.
Agorà

Moschea



Torre dell'orologio


6 commenti:

  1. Grazie Clara , sei grande ! Leggo e rileggo il tuo diario scritto meravigliosamente bene e ben rappresentato da foto stupende. E' stata veramente una bella crociera ,bella compagnia, belli gli spettacoli .Ci saranno altre sorprese ma lascio a Clara il seguito........ Ma come abbiamo fatto bene ad andare sulla Pacifica !!!!!!! Novella Ennio

    RispondiElimina
  2. Novella le vostre facce non mentono, si vede che vi siete proprio divertiti !!!! E replicheremo tutti insieme ;)

    RispondiElimina
  3. Complimenti a tutto il gruppo !!
    Bellissime le foto ed il reportage...grazie !

    RispondiElimina
  4. Molto piacevole questa lettura
    un saluto al simpatico gruppo.

    RispondiElimina
  5. Bravissima Clara, bel reportage e stupende foto. Non vedevo l'ora vedervi tutti insieme, amici, raggianti e felici. Leggendo il diario mi sento un pò vicino a Voi. Grazie per farci sognare un pò
    Bacione da Linda e Bruno

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...